Giulio Bertola, il Fondatore

 

 

Breve storia

Giulio Bertola nasce a Milano il 27 agosto 1960, il padre Giovanni, medico, gli insegna da subito i fondamentali elementi di vita su cui si basa il valore e la dignita’ di un uomo, lo studio ed il lavoro.

Ma anche la madre ricopre un ruolo fondamentale sulla sua formazione, grazie ad una straordinaria intraprendenza e ad una capacita’ di assumere ruoli risolutivi di fronte alle difficolta’. Queste doti diventano un vero patrimonio che Giulio riesce ad esprimere e, tuttora esprime, in tutta la sua vita imprenditoriale anche e soprattutto nei momenti piu’ difficili.

Dopo 5 anni di studi scientifici presso il rinomato e severo Collegio “Dal Pozzo” di Vercelli, matura ancora di piu’ l’autodisciplina, il rispetto delle regole e la capacita’ di raggiungere obiettivi anche in condizioni spesso impegnative, dettate peraltro dalla rigida disciplina imposta nell’Istituto “Dal Pozzo”.

Il servizio militare lo assolve con cariche organizzative alle dipendenze dirette del Comandante del battaglione, l’allora Capitano Domenico Villani, destinato a diventare, durante la Sua strepitosa carriera, Generale Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito. Questa esperienza militare, sotto la guida di Villani, contribuisce a sviluppare in Giulio la capacita’ di relazionarsi con gli altri e con il pubblico, grazie anche a soventi manifestazioni militari pubbliche.

Gli studi in Giurisprudenza sono un ulteriore tappa che serve a delineare le attitudini e la direzione professionale da seguire, non da Avvocato, ma da Imprenditore.

Un frase che Giulio Bertola spesso menziona: “nel fare impresa dobbiamo cercare di raggiungere sempre l’eccellenza, perche’ si puo’ essere grandi anche da piccoli”.

 

Giulio Bertola e la Romania

Giunge in Romania per la prima volta nel 1997 in affiancamento ad un importante Gruppo tessile italiano leader nella produzione, propria ma anche conto terzi, di confezione e maglieria.

Questa esperienza gli permette di prendere contatto con una realta’ Paese, ancora reduce dalla recente rivoluzione ma con un potenziale di sviluppo enorme e un capitale umano straordinario. Questo lo porta contestualmente ad aprire un proprio ufficio di consulenza nella capitale, a Bucarest. Nel triennio successivo 1998-2000, con una presenza in Romania piu’ frequente, approfondisce la conoscenza del Paese ed inizia ad instaurare i primi rapporti personali con i principali Stakeholders ed Istituzioni romene dell’epoca.

Negli anni successivi, dopo molte verifiche e ricerche nel settore delle risorse umane, decide d’intraprendere un progetto ambizioso nel settore Automotive, aprendo il primo studio di progettazione della Romania con un’innovativa ed unica impostazione: selezione – formazione/conversione – progettazione, cercando tra i migliori ingegneri progettisti provenienti dall’industria aeronautica romena.

Il Progetto, in circa tre anni,  ha convertito nel settore automotive piu’ di 120 ingegneri aeronautici romeni, anche attraverso un percorso formativo/lavorativo svolto in Italia presso aziende Clienti di elevato standing : Italdesign-Giugiaro, Stola Spa, Comau, Ferrari.

Gli ingegneri romeni, dopo il periodo formativo/lavorativo in Italia, rientravano in Romania per continuare a progettare presso la sede di Bucarest, contribuendo alla progettazione dei particolari di alcune delle vetture piu’ conosciute del mercato automobilistico: Ferrari, Maserati, Iveco, Fiat, Alfa Romeo.

Nel frattempo Bertola diventa, in Italia, anche Amministratore Delegato della S.A.T. Stampi Attrezzature Torino Spa , societa’ nell’orbita del Gruppo torinese di Roberto Stola.

Bertola risponde, oltre che per l’unita’ produttiva di Beinasco (To), anche per gli stabilimenti di Avellino e di Belo Horizonte (Brasile), nel totale piu’ di 2800 risorse impiegate.

L’incarico prevede principalmente la ristrutturazione dell’unita’ produttiva torinese, e dei suoi satelliti delocalizzati, attraverso un miglioramento della produttivita’ e una politica di forte riduzione dei costi, in attesa della nuova politica industriale dettata dalla proprieta’.

Il mandato di Bertola lo porta a doversi confrontare spesso con i sindacati regionali fino ad una delle trattative piu’ difficili che porta a compimento nonostante la sua complessita’, creando un precedente ancora oggi ricordato, da molti esponenti delle maestranze, dei sindacati e degli imprenditori del settore automotive torinese di quegli anni, tanto da sentirsi attribuire l’appellativo del “milanese che cammina sulle acque“.

Dopo circa 11 mesi d’incarico, a causa delle improvvise gravi condizioni di salute del Presidente Roberto Stola, viene anche chiamato, dallo stesso Stola, a ricoprire la carica di Consigliere nel Consiglio di Amministrazione della Holding, la Stola S.P.A, in Sua rappresentanza diretta.

Bertola accompagna quindi, per circa un anno, l’uscita forzata dalla scena di uno tra i principali e storici protagonisti del settore automotive/carrozzeria torinese, curandone gli interessi diretti, industriali e privati, seguendo meticolosamente ogni suo ultimo volere.

Mancato quindi il Presidente ed amico Roberto Stola, Bertola, provato anche emotivamente, decide di concentrare tutta l’attivita’ in Romania, dove peraltro gia’ dal 2001 ha anche avviato una societa’ di comunicazione e relazioni esterne, l’ADV Communication di Bucarest, azienda che, dal 2003, si occupa principalmente della comunicazione e dei rapporti con i media di Unimpresa Romania (Confindustria, Confagricoltura e Confesercenti in Romania).

Nel 2003 peraltro e’ anche uno dei soci fondatori del Progetto Unimpresa Romania, l’attuale Confindustria Romania. Infatti dal 2003 ad oggi, ricopre in questo progetto sempre cariche direttive, attraverso i mandati delle quattro Presidenze. Dal 2007 al 2011 e’ inoltre Responsabile comunicazione ed immagine sia dell’associazione Unimpresa Romania (Confindustria, Confagricoltura  Confesercenti italiane in Romania) che della CCIpR (Camera di Commercio Italiana per la Romania).

Nel frattempo le nuove politiche industriali di Sergio Marchionne, strategicamente, riportano la Progettazione di carrozzeria all’interno del Gruppo FIAT segnando, di fatto, la fine del Progetto Automotive in Romania. Oggi gli Ingegneri Progettisti romeni, formati grazie al progetto di Giulio Bertola e di Roberto Stola, sono impiegati con successo presso importanti multinazionali come New Holland, IBM, Renault, Akka, Dacia,Toyota Motor, Ducati Motor, Oracle, etc.

Potendo quindi contare su una presenza fissa nel Paese e grazie ai contatti e alle relazioni maturate in Romania dal 1998, Bertola e la sua struttura ADV Communication, diventano un saldo punto di riferimento per le principali aziende italiane che giungono nel Paese ed uno dei principali attori della qualificazione del made in Italy in Romania.

Per questo Bertola riceve anche un premio, nel 2010, presso l’Accademia di Romania a Roma, con il patrocinio del Governo di Romania – TROFEUL CELEBRITATII ROMANIA-ITALIA. Motivazione : “Autentica cerniera, tra Italia e Romania, con particolare attenzione alla moda, alla cultura e alle tradizioni quali insostituibili strumenti per l’integrazione tra due Popoli.”

 

CRISIS MANAGEMENT

 

NEL MESE DI OTTOBRE 2010 BERTOLA DEVE AFFRONTARE UNA COMPLESSA E DELICATA PRATICA DI CRISIS MANAGEMENT A TUTELA DI UNA IMPORTANTE MULTINAZIONALE, SUA CLIENTE.

LA NOTORIETA’ E LA PARTICOLARE SITUAZIONE, DEL GRUPPO ITALIANO SUL MERCATO ROMENO, RICHIEDONO UN INTERVENTO MIRATO ED UNA SOLUZIONE IN TEMPI BREVISSIMI.

BERTOLA SEGUE TUTTA LA PRATICA DIRETTAMENTE, AGENDO IN PIENA AUTONOMIA ORGANIZZATIVA ED IN TOTALE COORDINAMENTO CON LA CAPOGRUPPO IN ITALIA, PORTANDO AL CLIENTE L’AZIONE RISOLUTIVA DEL PROBLEMA IN MENO DI 15 GG.

IL SUCCESSO E L’INCISIVITA’ DELL’AZIONE RISOLUTIVA CAUSA UNA SERIE DI ATTACCHI DENIGRATORI E TENTATIVI DI SCREDITAMENTO PUBBLICI CONTRO BERTOLA, CHE SI PROTRAGGONO ADDIRITTURA PER I SUCCESSIVI TRE ANNI, DA PARTE DI TERZI SOGGETTI CHE VIDERO EVIDENTEMENTE SFUMARE I LORO INDEBITI INTERESSI.

NEI FATTI, ANCORA OGGI, L’AZIONE DI CRISIS MANAGEMENT ATTIVATA NEL MESE DI OTTOBRE DEL 2010 VIENE CONSIDERATA UN ESEMPIO DI ECCELLENZA E CAPACITA’ PROFESSIONALE, DOVE LA FREDDA E SPESSO FEROCE LOGICA DEL PROFITTO AD OGNI COSTO NON E’ RIUSCITA A SUPERARE LE BARRIERE DETTATE DA UNA PROFONDA E RADICATA PROFESSIONALITA’ E DAL FERREO RISPETTO DEI FONDAMENTALI PRINCIPI ETICI.

                                                                                                                                                              

Bertola in tutti questi anni, 2005-2013, ha maturato quindi una concreta e diretta esperienza in importanti e complesse Case history d’internazionalizzazioni di prestigiose aziende italiane in Romania avendo partecipato, per le sue competenze, ai principali ingressi nel Paese di alcune di esse, nei settori: energia, trasporti, industria e retail.

Queste esperienze gli hanno permesso di sviluppare, in Romania ma non solo qui’, una rete personale di conoscenze negli opinion leader, tra le autorità e con gli operatori media.
Grazie alle importanti cariche associative ricoperte in questi ultimi 10 anni ha anche affinato una notevole esperienza nella Comunicazione Istituzionale.

BUSINESS TO BUSINESS

La sua presenza, di oltre 15 anni in Romania, gli permette di affiancare le aziende anche in specifiche attivita’ business to business :

– Organizzazione di missioni imprenditoriali dall’Italia in Romania

– Operazioni di qualificazione del “Made in Italy” in Romania

– Progetti specifici destinati allo sviluppo di nuove aree di business in Romania

– Complesse case History di internazionalizzazioni produttive e/o distributive nel Paese.

Per ulteriori approfondimenti: http://ro.linkedin.com/pub/giulio-bertola/32/118/aa8

IMPEGNO SOCIALE

E’ riconosciuta anche a Bertola, una grande sensibilita’ per le fasce deboli del Paese. A tal proposito lo si vede impegnato in azioni di solidarieta’ a favore dei bambini dell’Ospedale Marie Curie, dell’Ospedale Fundeni di Bucarest; supporta la promozione delle attivita’ della Fondazione Murialdo Est Onlus, tanto da riceverne la carica di Vicepresidente Onorario; aiuta gli anziani del Don Orione, tramite l’iniziativa agroalimentare Casadeliicilor; ricopre la carica per tre anni da Consigliere e poi dal 2013 come Probiviro presso la Onlus italiana “Ponte del Sorriso” fondata da Confindustria e il Sindacato UIL; supporta in Romania la Fondazione di Roma “Arte nel Cuore”, direttamente in collaborazione con il suo Presidente Daniela Alleruzzo.

©2013 ADV Communication Production. All rights reserved.